Sesto San GiovanniToday

Sesto, sgomberata la "Casa di plastica": l'edificio sarà ricostruito

Se ne va un pezzo di storia sestese: la "Casa di plastica" di via Catania verrà demolita e ricostruita. Hanno sgomberato l'edificio 21 famiglie

Si è svolto senza tensioni ieri mattina lo sgombero delle 21 famiglie che nel 2004 avevano occupato abusivamente gli alloggi popolari della cosiddetta "Casa di plastica", in via Catania. Una sorpresa, considerato l'ingente spiegamento di forze dell'ordine a fianco dei tecnici Aler: c'erano proprio tutti, polizia locale, protezione civile, Croce rossa, vigili del Fuoco, Sos e servizi sociali del Comune.

SGOMBERO SENZA PROBLEMI - Ma grazie alle lunghe trattative dei mesi precedenti, coordinate dal vicesindaco Morabito e dalla prefettura di Milano, sono state scongiurate sortite drammatiche e resistenze dell'ultima ora, e il trasloco si è concluso in un clima di ordine e collaborazione.

NESSUNO SU UNA STRADA - E ora? Per 15 delle famiglie sloggiate, quelle in grave stato di necessità, cioè con minori, donne sole o un reddito al di sotto della soglia di intervento di Erp sociale, sono già state approntate abitazioni adeguate a Sesto e nel milanese. È la fine dell'incubo dell'abusivismo: in arrivo per loro una nuova vita da inquilini regolati. Le altre sei famiglie, a cui non sono stati ancora assegnati appartamenti, saranno invece seguite dai servizi sociali comunali alla ricerca di una nuova casa. Di quella "di plastica" non rimarrà più nulla: dal Comune infatti è stata confermata la demolizione, per fare spazio a un edificio più grande, che ospiterà 46 alloggi contro i 24 attuali.

NUOVO EDIFICIO, MA SE NE VA UN PEZZO DI STORIA - Grazie a un finanziamento regionale di 15 milioni di euro, il nuovo palazzo sarà molto più accogliente e attrezzato: il progetto prevede balconi, muri insonorizzati, isolamento termico degli appartamenti, posti auto e deposito biciclette. Unica nota amara è l'abbattimento della storica costruzione sestese: infatti con la "Casa di plastica" se ne va un esempio unico di architettura sperimentale degli anni '70. Edificato dall'Aler nel 1972, il palazzo era il prototipo della casa in plastica: una strada fallimentare, visto che gli appartamenti si erano presto rivelati roventi d'estate e gelidi d'inverno, e gli spazi inidonei all'uso che ne facevano gli inquilini.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Ovest: motociclista tamponato finisce oltre il guard rail e viene travolto, morto

  • Milanese "razzista" e "salviniana" non affitta ai "meridionali": l'audio diventa virale

  • Milano, militare pugnalato alla gola in Stazione Centrale da un passante che urla "Allah akbar"

  • Milano, tenta di incassare il gratta e vinci rubato: beccato, in casa ne aveva altri 600

  • Milano, fumo nero e puzza di bruciato da Spontini in via Marghera: arrivano i pompieri

  • Sciopero venerdì 27 setttembre, a Milano si fermano per 24 ore i mezzi Atm: orari di metro

Torna su
MilanoToday è in caricamento