Sesto San GiovanniToday

Violenza a villaggio Falck, il Comune di Sesto sarà parte civile

Avevano aggredito un pasticcere e violentato la sua fidanzata il 24 aprile 2009. Adesso, nel processo ai 4 rumeni accusati di violenza, il comune di Sesto si costituirà parte civile

Il Comune di Sesto San Giovanni sarà parte civile nel processo ai quattro rumeni accusati della violenza al villaggio Falck del 24 aprile 2009. Quel venerdì sera, i balordi avevano selvaggiamente picchiato un pasticcere di 29 anni e abusato a turno della sua fidanzata di 27. Una violenza inaudita, contro la quale era insorta tutta la popolazione e contro la quale il Comune ha chiesto di poter fare la propria parte.

  In quattro picchiarono il ragazzo e abusarono della fidanzata  


Il Pubblico ministero ha infatti accolto la richiesta dell'avvocato del Comune che, facendo riferimento ad un analogo fatto accaduto a Roma, ha ottenuto la costituzione di parte civile da parte dell'Amministrazione. "Oltre a fare il possibile - ha dichiarato il Sindaco Giorgio Oldrini - per aiutare le vittime di questi odiosi reati, vogliamo che la giustizia trionfi e che i colpevoli - se ritenuti tali anche dopo il processo - paghino il loro debito con le vittime e anche con la città di Sesto, che si è sentita ferita da questo atto barbaro". Il dibattimento dovrebbe iniziare il prossimo 13 maggio al Tribunale di Monza.

Leggi la vicenda su Milano Today >>>

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Ovest: motociclista tamponato finisce oltre il guard rail e viene travolto, morto

  • Milanese "razzista" e "salviniana" non affitta ai "meridionali": l'audio diventa virale

  • Milano, militare pugnalato alla gola in Stazione Centrale da un passante che urla "Allah akbar"

  • Milano, tenta di incassare il gratta e vinci rubato: beccato, in casa ne aveva altri 600

  • Milano, fumo nero e puzza di bruciato da Spontini in via Marghera: arrivano i pompieri

  • Sciopero venerdì 27 setttembre, a Milano si fermano per 24 ore i mezzi Atm: orari di metro

Torna su
MilanoToday è in caricamento