Sesto San GiovanniToday

Sesto dice no alla cittadinanza onoraria per la Segre: "Non ha a che fare con la nostra storia"

La maggioranza boccia un ordine del giorno per conferire la cittadinanza onoraria alla Segre

La Segre

La città medaglia d'oro alla Resistenza dice no a Liliana Segre. Martedì sera, infatti, il consiglio comunale di Sesto San Giovanni ha detto no a un ordine del giorno del Movimento cinque stelle che chiedeva di dare la cittadinanza onoraria alla senatrice a vita milanese, deportata dai nazisti e da poco sotto scorta a causa dei tanti messaggi di odio e minacce ricevuti quotidianamente. 

Sindaco e soci - ha spiegato Vincenzo Di Cristo, consigliere grillino - hanno "bocciato compatti la manifestazione di intenti presentata dal sottoscritto anche a nome di tutta l'opposizione. Il sindaco ha detto che la manifestazione era fatta al solo scopo strumentale. E ovviamente - le parole di un contrariato Di Cristo - i consiglieri di maggioranza hanno ubbidito compatti, quasi fossero bravi soldatini, compresi i rappresentanti dei civici ed alcuni ex o attuali Cl".

Per il sindaco Roberto Di Stefano, in quota Forza Italia, "Liliana Segre non ha a che fare con la storia della nostra città e darle la cittadinanza sarebbe svilente per lei perché è una strumentalizzazione politica. La inviterò personalmente - ha concluso - il 27 gennaio".

Diverso, decisamente diverso, il parere del Partito democratico. "Asserire che Liliana Segre non ha alcun legame con Sesto San Giovanni è ridicolo - l'attacco di Mari Pagani, esponente democratica -. La Senatrice è iscritta all’Aned, associazione degli ex deportati, attiva sul nostro territorio dagli anni Cinquanta e organizzatrice ogni anno di un partecipatissimo viaggio nei lager con la presenza dell’Istituzione e del labaro comunale insieme a molti istituti scolastici e cittadini. La nostra città è stata insignita orgogliosamente della Medaglia d’Oro alla Resistenza e che la Resistenza non abbia nulla a che fare con la deportazione e con la dittatura nazifascista che imprigionò la Senatrice a Auschwitz è un azzardo troppo ardito anche per il nostro sindaco", ha sottolineato la consigliera. 

"Per ultimo Sesto San Giovanni sino ad ora è sempre stata solidale nei confronti di chiunque subisca discriminazione, aggressioni e insulti violenti. E questo ha molto a che fare con l’idea di di inclusione, di confronto e di pace che ha caratterizzato la nostra comunità cittadina. A questo punto ci viene quasi da dire «Senatrice, dovessero invitarla, lasci perdere. Il Sindaco Roberto Di Stefano dice che qui lei è un’estranea». Pensare che noi del Partito Democratico credevamo che, famosa in tutto il mondo, lei fosse una delle madri della nostra Costituzione".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio alla guida, accosta e ferma i vigili: "Documenti grazie, devo farvi la multa"

  • Incidente a Trezzano, auto passa col rosso e si schianta con 2 macchine: 12enne gravissimo

  • Milano, incidente in via Trevi: Smart si ribalta e piomba dentro al negozio di kebab, un morto

  • Incidente fra tre camion sull'A4, autostrada chiusa e traffico in tilt: i percorsi alternativi

  • Milano, festino a base di cocaina, hashish e marijuana nell'hotel di lusso: arrestato 32enne

  • Milano, gira in strada con tre zaini in spalla: dentro ha 2,3 chili di droga e 10mila euro

Torna su
MilanoToday è in caricamento