Sesto San GiovanniToday

M1, unite le gallerie di Restellone e Bettola: la festa in cantiere

Passo avanti simbolico nella realizzazione del prolungamento. Presenti i sindaci di Sesto e Cinisello

Foto Roberto Di Stefano

Passo in avanti sui lavori per il prolungamento della M1 da Sesto a Monza. Nella mattinata del 22 gennaio è stato abbattuto il "diaframma" che separava la galleria tra le due future fermate di Sesto Restellone e Monza Bettola. Un passaggio simbolico che segna il procedere dei lavori verso il nuovo capolinea: "Le due fermate sono essenziali per il territorio del Nord Milano e segneranno una svolta per la mobilità di questo territorio"; ha commentato Roberto Di Stefano, sindaco di Sesto San Giovanni, presente in cantiere.

Monza Bettola non sarà soltanto il nuovo capolinea della M1 ma anche un interscambio con la M5 che, da Bignami, proseguirà per Cinisello Balsamo e Monza. Tale prolungamento è stato di recente finanziato.

Di Stefano ha anche spiegato che la fermata di Sesto Restellone è già avanti nei lavori: sarà probabilmente possibile riaprire la viabilità di viale Gramsci in superficie fin dall'estate del 2019. "Il prolungamento della M1 è una priorità assoluta per il nostro territorio, un'opera strategica per modificare in meglio i trasporti e la viabilità in un'area molto vasta", ha commentato il sindaco sestese. Era presente anche il sindaco di Cinisello Balsamo, Giacomo Ghilardi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, a Milano il prefetto chiude L’Antica pizzeria da Michele, storico locale napoletano

  • "Sono stata incastrata", la comandante della Locale pizzicata con la coca denuncia i carabinieri

  • Grave incidente in autostrada A4, auto ribaltata: giovane 27enne rianimato sul posto

  • Incidente davanti al treno deragliato: Madeline è morta a 21 anni uccisa dal pirata fatto di coca

  • Distratti dal treno deragliato, incidente sull'A1: morta ragazza di 21 anni, feriti gravi tre amici

  • Milano Lancetti, uomo travolto da un treno in stazione: gravissimo

Torna su
MilanoToday è in caricamento