Sesto San GiovanniToday

Centro profughi nell'ex sede dei sindacati di Sesto San Giovanni

Non è ancora ufficiale. Sarà infatti la prefettura di Milano nella giornata di mercoledì 4 marzo a vagliare la proposta congiunta arrivata da UniAbita e della Cooperativa Lotta contro l'emarginazione (Coltre)

Il comune di Sesto San Giovanni con UniAbita e la Cooperativa Lotta contro l'Emarginazione ha proposto alla Prefettura di Milano di dare il palazzo ex sede di Cgil, Cisl e Uil come nuovo centro accoglienza profughi.

L'ufficialità di questa iniziativa arriverà mercoledì 4 marzo quando la Prefettura di Milano avrà vagliato positivamente o meno la proposta.

L'edificio di viale Marelli dallo scorso giugno non ospita più gli storici sindacati (ad eccezione della Uil che è ancora al suo interno). La proprietà delle mura è della cooperativa edificatrice UniAbita che, se il tutto venisse approvato, darà in comodato gratuito lo stabile. Coltre investirà, invece, 60mila euro per riqualificare i bagni, realizzare delle cucine e costruire il dormitorio. La struttura, sembrerebbe, poter ospitare fino a 25 profughi e diventerebbe un primo centro accoglienza destinato a rifugiati di guerra o immigrati senza permesso di soggiorno (o in attesa di riceverlo).

Il progetto dovrebbe durare un anno, poi UniAbita rientrerebbe in possesso dell'immobile tramutandolo in una residenza sociale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale"

  • Coronavirus, tutte le scuole di Milano e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

Torna su
MilanoToday è in caricamento