Sesto San GiovanniToday

Milano, bambino di venti mesi ingerisce un pezzo di hashish: è gravissimo in ospedale

Il piccolo è all'ospedale Buzzi in prognosi riservata. Si indaga sulla mamma e il padre

Foto repertorio

Fino a pochi minuti prima era al parchetto vicino casa, sorridente e spensierato. In pochi attimi, però, sua mamma lo ha visto iniziare a respirare con fatica, fino a collassare a terra privo di sensi. Un bimbo di venti mesi è ricoverato in condizioni gravissime all'ospedale Buzzi di Milano in prognosi riservata. A ridurlo in quello stato - stando ai referti dei medici - è stata "una intossicazione da Thc", il principio attivo dell'hashish e della marijuana. 

Dove il piccolo possa aver preso la droga - che con ogni probabilità è stata ingerita - resta un mistero, ma i poliziotti della Questura di Milano sono già al lavoro per ricostruire con esattezza cosa sia avvenuto nei minuti immediatamente precedenti al malore. 

Il dramma si è consumato sabato pomeriggio a Sesto San Giovanni, dove il bimbo vive con la mamma, una ragazza romena, e il padre, un giovane egiziano. Al ritorno a casa da una "gita" al parco, improvvisamente il bambino è stato male male: crisi respiratoria, occhi chiusi e nessuna risposta agli stimoli. La mamma lo ha caricato in auto e lo ha portato al Buzzi: lì le sue condizioni sono peggiorate ulteriormente, prima di un lieve miglioramento nella notte di domenica. Le analisi non hanno lasciato spazio ai dubbi: è "intossicazione da Thc". 

Gli agenti, allertati dallo stesso ospedale, hanno eseguito i primi controlli sui genitori: la mamma è risultata negativa al test anti droga - quindi l'intossicazione non può essere avvenuta attraverso l'allattamento -, mentre i prelievi sul papà del bimbo hanno dato esito positivo. I genitori, ascoltati dai poliziotti, hanno raccontato che il figlio potrebbe aver ingerito l'hashish proprio nel parchetto in cui lo avevano portato, ma non è escluso - anzi - che il piccolo possa aver trovato un pezzo di droga a casa e che, senza sapere cosa fosse, lo abbia mangiato. Al momento, i magistrati non hanno chiesto nessun provvedimento, ma si attende soltanto la conclusione delle indagini. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dovranno stare lontani da loro figlia, invece, i genitori della piccola che lo scorso 11 settembre era stata ricoverata in coma all'ospedale di Legnano per una intossicazione da Thc. Al momento dell'arrivo al pronto soccorso, i genitori - entrambi italiani - avevano raccontato che la figlia aveva raccolto e ingerito, senza che loro se ne accorgessero, dell'hashish in un giardinetto di San Vittore Olona. Le indagini e gli esami tossicologici avevano invece evidenziato che la bimba - diciassette mesi - era stata esposta "continuativamente a Thc, oppiacei, anfetamina, mdma e ketamina" da marzo a settembre. La bambina, dopo un ricovero d'urgenza, si era ripresa ed era uscita dall'ospedale dopo qualche giorno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'odissea sul Ryanair: imbarco negato con il biglietto e ragazzo 'abbandonato' in aeroporto

  • Uccide soffocando i suoi due figli gemelli. Aveva scritto sms alla madre: "Non li rivedrai più"

  • Consultori di Milano: indirizzi, orari e numeri utili

  • Accoltellato mentre cammina nei pressi del Parco Trotter, grave un 30enne all'alba

  • Omicidio in via Trilussa a Milano, sale dal vicino nel cuore della notte e lo uccide

  • Elena e Diego, i gemellini milanesi uccisi dal loro papà: ecco le prime verità dell'autopsia

Torna su
MilanoToday è in caricamento